Robe da chiodi

Perché, come ha detto qualcuno, la storia dell'arte libera la testa

Cattelan, il bambino che sono io

3 comments

Bellissima l’intervista di Francesca Bonazzoli a Maurizio Cattelan, apparsa sul Corriere. Qui la potete leggere in integrale. Io ne ho fatto uno smontaggio a temi (così bella da chiedermi se queste parole non siano un compimento dell’opera stessa. Cioé necessarie alla loro esistenza. Comunque colpisce il venire a galla dell’anima bambina di Cattelan: questa è la sua forza)

Un trittico perfetto «Molti dei miei lavori migliori sono frutto o di errori o di situazioni come questa dove sei costretto a trasformare in positivo gli imprevisti. Alla fine le tre opere che esporrò a Palazzo Reale sono un trittico perfetto, la mia famiglia autobiografica: il padre, la madre e il figlio. Se mi fossi seduto a tavolino non mi sarebbe venuta in mente una mostra così». Ha messo in mostra la sua famiglia? «È una famiglia disfunzionale, come è stata la mia: il padre fa il Papa; la madre sostituisce il figlio in croce e il figlio non riesce a comunicare se non battendo il tamburo».

Il Papa colpito dal meteorite. «La statua di papa Wojtyla è un lavoro del 1999 che era nato in piedi, ma non mi convinceva. A una settimana dalla mostra cominciai a pensare a come distruggerlo. Alla fine mi venne l’ idea del meteorite e fu come un’ illuminazione: capii che avevo abbattuto la figura del padre. Questo è quello che sanno fare i lavori importanti: se io ho avuto un’ epifania, allora può averla anche qualcun altro». Chissà come sarà contento suo padre a leggere questa rivelazione. «A diciassette anni tentai di strangolarlo; fu allora che andai via di casa. Di giorno lavoravo otto ore, alla sera andavo a scuola: niente divertimento. Ma avevo bisogno di silenzio intorno a me: la casa era piccola e noi eravamo in troppi. È stato il cruccio di mia madre che era orfana e ha rivissuto l’ abbandono».

Il bambino che sono io. Il bambino tamburino allora è lei?  «Decisamente: non posso togliermi dalla partita. Penso di essere un caratteriale, forse da piccolo molto più di adesso. Mia mamma, presa dalla disperazione, venne a chiedermi cosa non andava. Mi ricordo mezz’ ora di silenzio dove nella mia testa c’ erano migliaia di inizi di possibili dialoghi che non hanno mai preso forma verbale. Non era solo l’ incapacità di esprimere le mie necessità, era un blocco emotivo. Io non avevo un tamburo, ma usavo il silenzio. Come ho montato il bambino nella sala delle Cariatidi è perfetto: è in alto sul cornicione, solo e distante; c’ è e non c’ è. Non è a livello delle altre figure ma è sospeso nel punto di vista esterno dello spettatore, quello che ho sempre usato nella vita».

Mia madre in croce. Dunque la donna crocifissa è sua madre, quella che non l’ ha mai baciato? «Nell’ arte la donna è la Madonna e la rappresentazione della bellezza, ma nella mia famiglia la donna era sofferenza. Quest’ opera per me non è mai nata come una crocifissione invertita, ma in questo trittico mi sento di giustificarla come la mia visione domestica femminile». Non pensa che il bambino tamburino e il Papa assieme nella sala delle Cariatidi faranno pensare agli scandali di pedofilia che hanno colpito la Chiesa? «Si possono smembrare le opere e dare anche letture di attualità. Però l’idea a monte è unire tre opere che hanno significato moltissimo per me».

Il dito medio a piazza Affari. Si aspetta polemiche come per i manichini impiccati a Milano nel 2004 che furono tolti dopo un solo giorno? «Questa ormai è una mostra certificata e già discussa sulla stampa. Quando andremo a vederla qualcuno si chiederà perché c’ è stato tanto rumore per nulla. Anche la statua della mano in fondo viene da un’ immagine classica come quella della mano di Costantino ai Musei Capitolini. Se non ci fosse stata la precedente avventura milanese sarebbe stata una mostra senza tanti problemi. Quando dicono che sono un manipolatore o un pubblicitario, io dico: voi che fate i giornali, i blog, siete i manipolatori. Io produco, sono gli altri che parlano».

50 anni con i calzoncini corti. Ma lei non era il ribelle dell’ arte? Non le dà fastidio che questa mostra arrivi, come dice lei, certificata? «Non ho mai perseguito polemiche o strategie del ribellismo. Sono felicissimo che il vicario episcopale per la Cultura della diocesi di Milano, interpellato dal Comune per non urtare la Curia, abbia visto quello che in realtà è la statua del Papa: un lavoro spirituale che parla di sofferenza. Il titolo La Nona Ora allude a quella in cui Cristo, sulla croce, chiede al Padre perché l’ ha abbandonato, ma il Papa cadente si aggrappa al crocifisso. Certe cose hanno bisogno di tempo per essere digerite. Forse dieci anni non sono ancora abbastanza». Il 21 settembre compirà cinquant’ anni. Un bilancio? «Mi sento ancora con i calzoncini corti, come se fossi cresciuto durante l’ ultima notte. Sono il primo a essere sorpreso di essere arrivato qui integro».

Written by gfrangi

settembre 14th, 2010 at 7:35 am

3 Responses to 'Cattelan, il bambino che sono io'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Cattelan, il bambino che sono io'.

  1. Intervista davvero intensa, che rivela (ai pochi che ancora non l’avessero compreso) la portata di questo artista…altro che provocatore!
    Certo, se l’allestimento della Sala delle Cariatidi, da quanto si legge, pare perfetto nella sua essenzialità, resta il rammarico per le altre opere, che potevano essere ospitati in altre sale attigue, dando completezza a questa monografica

    marcopino

    14 Set 10 at 9:00 am

  2. Rammarico giusto, ma, a quanto pare, questa è la Milano che ci meritiamo: domani, tutti all’inaugurazione della mostra della sorella del Ministro Tremonti a Villa Reale!
    E, vi prego, non paia questa una provocazione fuori luogo.

    Cristiana Curti

    15 Set 10 at 7:09 pm

  3. ero incerta se mandare un commento. Incerta sul mandarlo, incerta sul commento. Provo in modo interlocutorio. Cattelan mi è simpatico. E’ accattivante. Per niente trasgressivo. Anzi seduttivo. Con quella sua aria di Gian Burrasca che fa i suoi scherzi per tenere i grandi un po’ su di morale.
    Ma non fa nessuna voglia di andare a vederlo. Le sue immagini intraviste in riproduzione sono già esaurite. Descritte e con le sue dichiarazioni funzionano come slogan di pubblicità. Quando ero piccola si chiamava Carosello.
    Se vado a vedere la pietà Rondanini di Michelangelo ogni volta è un di più. Se guardo Caravaggio idem, o a volte anche un di meno, un ridimensionamento. Ma sempre qualcosa di nuovo. Anche se guardo Morandi. (Dalla mano, dai materiali tutto quello che il titolo non basta a contenere).
    Che poi Cattelan si giustifichi con uno psicanalese un po’ corrente mi dà una certa tristezza. Come dire che ha capito tutto. Che è la tragedia della psicoanalisi ingenua (Freud Sigmund all’inizio era un po’ ingenuo in questa pretesa, ma pioniere e ben diversamente drammatico e complesso e contraddittorio personalmente implicato).
    Insomma Cattelan non mi è antipatico, ha anche delle buone idee, ma mi inquieta che venga preso sul serio.

    paola

    18 Set 10 at 1:48 pm

Leave a Reply