Robe da chiodi

Perché penso, come ha detto qualcuno, che la storia dell’arte liberi la testa

Van Gogh pubblicato alla rovescia

2 comments

L’implacabile detective vangoghiano Antonio De Robertis ha beccato in castagna tutti  i maggiori giornali italiani. Martedì avevano dato grande enfasi all’allarme lanciato da due ricercatori Letizia Monico dell’Università di Perugia e da Koen Janssens dell’Università di Antwerp sul deperimento dei colori di Van Gogh. Scrive De Robertis nei commenti con cui è andato a tamponare le informazioni sballate su tanti siti: «Giornali e blog annunciano in articoli molto documentati l’alterazione del giallo di cromo verso il marrone si manifesti di più nella versione dei girasoli del museo Van Gogh rispetto a quella della National Gallery di Londra (nella foto) e poi allegano invece la fotografia della terza versione di Tokio». I Girasoli di Tokio sono quelli acquistati dalla compagnia di assicurazioni giapponese Yasuda nell’87 e sulla cui autenticità molti studiosi hanno avanzato dubbi. Lo stesso detective De Robertis aveva avanzato l’ipotesi che a dipingere quei Girasoli fosse stato in realtà Gauguin (questo spiegherebbe la miglior tenuta del giallo: Gauguin usava acquistare colori di qualità migliore).

Ma le disavventure informative non finiscono qui: i giornali infatti pubblicano tutti il quadro di Tokyo al contrario!

Quanto al giallo, Van Gogh usava il giallo cromo Tasset&Lothe o quello del famoso pére Tanguy. I Girasoli “sicuri” sarebbero stati dipinti con i primi. La diversa conservazione dei due esemplari sarebbe determinata dal fatto che quello di Londra ha avuto una storia molto più tranquilla, menre quello di Amsterdam ha viaggiato moltissimo, con effetti deleteri per cambi di ambientazione e di esposizioni alla luce.

Mia nota personale: non bisogna esagerare nell’idolatrare i colori di Van Gogh. Quelli erano potenzialmente a disposzione di tutti. La sua grandezza è in quello sguardo eternamente divaricato sulla realtà e il colore è strumento per questio sgiuardo. È come se penetrasse la realtà, l’aprisse, ne dilatasse febbrilmente l’orizzonte. Van Gogh imprime sempre una grande pressione sulle immagini: ma questa pressione deriva da un fattore mentale non da una reazione emotiva. Lui parla di un’«alta nota gialla». Sarebbe davvero limitante pensare che quel giallo coincida semplicemente con un colore. Piuttosto è l’eco di un desiderio inestinguibile e ultimamente non catturabile. Il giallo in questo senso è un’ultracolore. Per questo Antonin Artaud poteva scrivere: «I suoi girasoli, d’oro e bronzo sono dipinti, sono dipinti come girasoli e nient’altro, ma adesso per capire un girasole in natura bisogna prima rivedere van Gogh».

Written by gfrangi

febbraio 16th, 2011 at 10:55 pm

2 Responses to 'Van Gogh pubblicato alla rovescia'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Van Gogh pubblicato alla rovescia'.

  1. La frase di Artaud è terribilmente vera , in anni diversi ricordo che Giovanni Testori diceva sempre che non possiamo guardare una montagna senza pensare a Courbet , ed era lì in qualche modo la grandezza di un artista . La periferia di Milano – Sironi , i sacchi – Burri , una piazza italiana -De Chirico , la campagna toscana -Rosai , la luna – Elsheimer e cosi in avanti una piscina Hockney , una palma Schifano un papa Bacon ecc ecc ecc il risultato un vero casino per un artista muoversi !

    Giovanni

    17 Feb 11 at 8:06 pm

  2. forse la cosa migliore è non farci troppo caso, ci si confronta con dei giganti, ci facciamo la figura del don chiscotte o dei bauscia o del dilettante da strapazzo, ma se uno è sincero e dipinge con passione e vuole fare i girasoli è giusto che lo faccia senza troppo pensarci. Per male che vada avrà fatto un brutto quadro

    Mauro

    22 Feb 11 at 9:27 pm

Leave a Reply