Robe da chiodi

Oggi 12 settembre

Milano, perché do ragione a Stefano Boeri

2 comments

Non so com’è destinata a finire la vicenda di Stefano Boeri, l’assessore alla Cultura di Milano entrato in conflitto con il sindaco e con l’apparato del partito di cui è stato capolista alle ultime comunali. So per certo che quella di Boeri è stata sino ad ora la vera novità di questa giunta, una novità che si è confermata appieno con la conferenza stampa di giovedì scorso, quella che ha scatenato le nuove polemiche contro di lui.

Boeri ha colto la cosa di cui Milano in questo momento ha più urgente bisogno, quella di sprovincializzarsi. Non è un vezzo né una questione da vetrina, ma è una scommessa su cui si fonda ogni vero rilancio di una città che negli ultimi anni, tranne qualche eccezione, si è ripiegata nel suo tran tran, smarrenso la propria capacità di città-traino. Spingere Milano verso una frontiera più ambiziosa, significa aprirle prospettive, liberare energie oggi imbrigliate, costringerla ad aprire cantieri nuovi (non solo quelli edilizi), creare lavori e lavoro, ringiovanire la città. Non è un’idea astratta, ma è un’idea che Boeri ha potuto ben sperimentare nelle sue recenti direzioni di grandi riviste di architettura, dove ha capito le potenzialità di una città a cui tutto il mondo ancora guarda come uno dei laboratori più interessanti e decisivi per pensieri nuovi sull’abitare e sulla città.

Boeri aveva una sola strada possibile davanti: procedere senza indugio verso scelte che immediatamente dessero il segnale della svolta. Va in questa direzione il coinvolgimento di Ulrich Obrist, oggi numero uno del sistema dell’arte contemporanea, nel ripensamento dei luoghi espositivi della città, ridotti a disordinato ricettacolo del primo che arriva (e che paga); basta dare un’occhiata agli stendardi che pendono sulla facciata di Palazzo Reale per avere la fotografia esatta della situazione.

Poi è arrivato l’annuncio di Francesco Bonami come curatore per il luogo giustamente assegnato all’arte contemporanea, il Pac, capolavoro di Gardella. E il coinvolgimento di Giovanni Agosti, uno dei maggiori storici d’arte oggi in attività, che pur insegnando a Milanno le mostre importanti ha dovuto quasi sempre farsele tra Parigi e il Ticino.

Sacrosanta inoltre l’opposizione di Boeri alla costruzione del nuovo Museo di Arte Contemporanea a Citylife: un inutile mausoleo già in affanno prima ancora di sorgere, che graverebbe con costi di gestione assurdi sulle già esauste casse pubbliche. E giusta anche l’intuizione di destinare all’arte contemporanea un progetto già in fase avanzata e molto più legato alla storia urbanistica di Milano, come la ristrutturazione dell’ex Ansaldo: pensare quegli spazi enormi solo per ospitare il museo delle culture non europee (una quai Brainly dei poveri…) è un’idea che tutt’al più acqiueta le coscienze politicamente corrette. Sarebbe molto più intelligente e dinamico progettare un luogo per l’arte contemporanea dove ci sia spazio e visibilità per tutte le culture che in questi decenni sono confluite a Milano. La multietnicità infatti è un’esperienza viva e non da museificare.

Boeri ha poi parlato della necessità di avere un festival internazionale del teatro: un’idea tanto giusta che a sentirla sembra quasi ovvia. Com’è possibile che Milano sul teatro, con la storia e le istituzioni che ha, non abbia un’iniziativa di quel respiro?

Milano ha davvero bisogno come l’aria (di quella pessima che si respira in questi giorni e su cui la giunta si è purtroppo impantanata) di un cambio di marcia di questo tipo. Che accenda nuovi interessi e nuove passioni. Speriamo che Pisapia se ne renda conto.

Written by gfrangi

novembre 27th, 2011 at 3:15 pm

2 Responses to 'Milano, perché do ragione a Stefano Boeri'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Milano, perché do ragione a Stefano Boeri'.

  1. Queste sono tutte idee giuste, ma politicamente non è stato capace di spenderle, ha cercato di imporre la sua visione (come nel caso dell’orto botanico per il post Expo), non ha saputo tenere in piedi il delicato rapporto che inevitabilmente sarebbe divenuto sempre più teso con il sindaco, ha spaccato in tante occasioni in cui invece avrebbe dovuto ricucire. Le buone idee non bastano per fare un buon politico.

    Lorenzo

    28 Nov 11 at 8:25 pm

  2. Caro Giuseppe,
    raccontati da te, i progetti di Boeri diventano convincenti e interessanti, o quantomeno decenti pensando alla morte culturale che sembra dominare il panorama istituzionale milanese. Mi chiedo però – con Lorenzo – se le buone intenzioni bastino a portare aventi un impegno politico.
    A questo proposito vorrei esprimere il mio fastidio per l’appello “di riappacificazione” che sta girando in questi giorni via mail. Mi sembra assurdo che ci si ritrovi continuamente a dover incoraggiare i politici a lavorare in maniera seria: abbiamo forse a che fare con dei bambini che non vogliono fare i compiti o non vogliono stare seduti a tavola?
    Che Boeri e Pisapia trovino un accordo da soli, è il loro mestiere.

    Federico

    29 Nov 11 at 10:09 am

Leave a Reply