Robe da chiodi

Oggi 12 settembre

Giacometti, l’uomo (per Bacon) più importante del mondo

4 comments

Nella biografia davvero caotica di Francis Bacon scritta da Daniel Farson (Johan&Levi editore), a intermittenza emergono anche particolari interessanti. Ad esempio quello della predilezione – quasi venerazione – di Bacon per Giacometti (ricambiata a quanto sembra). È una stima che colpisce, specie in una persona come Bacon, che certo non era un artista di buone maniere…. Ecco alcuni brani dal libro che penso non abbiano bisogno di ulteriori commenti.

Giacometti e Bacon a confronto alla Fondazione Beyeler di Basilea

Bacon su Giacometti…
Pur affermando di provare un’ammirazione speciale per Alberto Giacometti, Francis si presentò completamente ubriaco a una cena in suo onore organizzata da Isabel (la Rawsthorne, che fu modella per entrambi, ndr) in un ristorante. Via via che si sbronzava sempre di più, il suo discorso sull’arte degenerò, come al solito, in un monologo involuto sulla vita e sulla morte. Giacometti beveva con moderazione e ascoltava, scrollando di tanto in tanto le spalle: «Chi può dirlo?». Rendendosi conto che stava annoiando quello che lui considerava «il più meraviglioso tra tutti gli esseri umani», Francis sollevò silenziosamente il bordo del tavolo, in alto sempre più in alto, facendo scivolare a terra tutti piatti, i bicchieri e le posate. Giacometti parve deliziato «da questo tipo di risposta all’enigma dell’universo e lanciò un grido di gioia».

Un giorno Francis mi presentò Giacometti, dichiarando: «Questo è l’uomo che mi ha influenzato più di chiunque altro».

… preferiva i disegni di Giacometti alle sue sculture «soprattutto quelli a matita o con la fusaggine. Per lui era una grande avventura vedere emergere qualcosa di sconosciuto, ogni giorno, nello stesso volto».

…Giacometti su Bacon
… una volta, mentre si trovavano in taxi a Londra, Giacometti gli battè a sopresa su un ginocchio dicendo: “Quando sono a Londra, sono omosessuale!”».

Written by gfrangi

gennaio 3rd, 2012 at 9:16 pm

4 Responses to 'Giacometti, l’uomo (per Bacon) più importante del mondo'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Giacometti, l’uomo (per Bacon) più importante del mondo'.

  1. Grandissimi! Sai per caso se Giacometti si è mai espresso su Duchamp?

    Su Hockney vs Hirst e Bacon pro Hirst: secondo me la questione non è tanto chi ha fatto i lavori, il fatto è che Hirst non pensa neanche da pittore. Bacon l’ha ammirato ai tempi di A Thousand Years ma cosa direbbe di questo? http://www.flickr.com/photos/54632268@N05/5062171517/

    Beatrice

    5 Gen 12 at 11:47 am

  2. Hai ragione, davvero si vede che non pensa da pittore…
    su Giacometti Duchamp al volo non ti so dire. Guardo sul libro degli scritti e poi ti dico.

    gfrangi

    5 Gen 12 at 5:49 pm

  3. ma la ‘biografia caotica’ vale la pena o no?

    linnio

    7 Gen 12 at 5:11 am

  4. No,anche se qualche spunto utile lo dà . Intono a pagina 105 c’è latrascrizione di un’intervista tv bacon bellissima, ad esempio

    gfrangi

    7 Gen 12 at 9:43 am

Leave a Reply