Robe da chiodi

Perché, come ha detto qualcuno, la storia dell'arte libera la testa

Dodici motivi più che sufficienti per amare Picasso

2 comments

Studio per "Femme et enfant au bord de la mer", 23 dicembre 1921. Parigi Musée Picasso

Me ne sono segnati 12, di motivi. Ma potrebbero presto diventare di più. Magari li aggiungete voi. È un gioco, ma serve a farsi un’idea più chiara sul perché Picasso, che piaccia o non piaccia, riesce sempre a essere (o a sembrarci) il più grande.

1. È un genio bambino, bambino sino all’ultima pennellata della sua vita.

2. Ha la baldanza del semplificatore nell’era tristissima delle complessità.

3. Non riesce ad essere ideologico neanche quando si propone di esserlo.

4. Riesce ad essere di nuovo masaccesco, senza avere più il mondo di Masaccio
attorno a sé (per conferma vedi immagine qui sopra).

5. Non ha dovuto scrivere niente per spiegare quel che era.

6. È un artista sessualmente irrefrenabile, senza mai essere vizioso.

7. Ha un ego gigantesco, ma lo rovescia in prodigalità espressiva. Cioè non tiene
il suo ego per sé.

8. È uno che costruisce anche quando distrugge (questa l’ha detta lui di sé).

9. Per lui l’arte non è mai fatica, nel senso che tutto gli riesce magnificamente
facile.

10. Non aveva mai bisogno di arrivare primo per dimostrare di essere il primo.

11. Non ha mai ceduto alla tentazione di fare della pittura una religione (né di
fare pittura religiosa).

12. Più che dipingere, ha scaraventato figure e forme sulla tela.

Written by gfrangi

settembre 24th, 2012 at 8:02 pm

Posted in mostre,pensieri

Tagged with

2 Responses to 'Dodici motivi più che sufficienti per amare Picasso'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Dodici motivi più che sufficienti per amare Picasso'.

  1. Bello il punto 2!
    Io direi anche:

    – Non ha mai avuto l’ossessione dell’Opera, pensando alle immagini come un flusso continuo, legato alla vita: nessun’opera singola esemplifica tutto il resto; neanche Guernica; vanno viste come un flusso.

    – Si è sempre sentito in diritto di lavorare.
    (Forse al giorno d’oggi solo Gerhard Richter sente questo diritto in modo costante)

    Beatrice

    4 Ott 12 at 11:29 am

  2. […] più di tanto, ho trovato qui alcuni interessanti suggerimenti sui motivi  personali che hanno reso Picasso il fenomeno […]

Leave a Reply