Robe da chiodi

Oggi 12 settembre

Il Papa e Caravaggio

one comment

sanmatteo

(Questo brano è tratto dall’intevista di Papa Francesco ad Antonio Spadaro direttore di Civiltà Cattolica. Così bello da non aver bisogno di nessun commento)

«…venendo a Roma ho sempre abitato in via della Scrofa. Da lì visitavo spesso la chiesa di San Luigi dei Francesi, e lì andavo a contemplare il quadro della vocazione di san Matteo di Caravaggio». Comincio a intuire cosa il Papa vuole dirmi. «Quel dito di Gesù così… verso Matteo. Così sono io. Così mi sento. Come Matteo». E qui il Papa si fa deciso, come se avesse colto l’immagine di sé che andava cercando: «È il gesto di Matteo che mi colpisce: afferra i suoi soldi, come a dire: “no, non me! No questi soldi sono miei! Ecco, questo sono io: “un peccatore al quale il Signore ha rivolto i suoi occhi”. E questo è quel che ho detto quando mi hanno chiesto se accettavo la mia elezione a pontefice».

Written by gfrangi

settembre 19th, 2013 at 7:16 pm

One Response to 'Il Papa e Caravaggio'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Il Papa e Caravaggio'.

  1. Ma quale dei due? Io non ho mai avuto dubbi: Matteo è il ragazzo seduto, che resiste fino all’ultimo allo sguardo di Gesù, il Caravaggio stesso?

    Liala

    1 Feb 14 at 5:22 pm

Leave a Reply