Robe da chiodi

Oggi 12 settembre

Le spalle immense di Niccolò (e quella aguzze di Mazzoni)

one comment

niccoloAlla fine sono riuscito a vedere la mostra su Guido Mazzoni e Antonio
 Begarelli a Modena. Mi ritrovo nella mia idea: che Mazzoni sia soprattutto un fenomeno
 di straordinario eclettismo. Il senso popolare dei suoi compianti viene in seconda 
istanza: insomma poco a vedere con il Gaudenzio del Sacro Monte. Avendo
 visto la mostra posso essere più esaustivo nella mia ipotesi. Infatti 
in apertura ci troviamo di fronte l’“immenso” San Domenico di Niccolò dell’Arca,
 proveniente dal Museo della chiesa di san Domenico di Bologna. Una scultura di una presenza colossale, con una carica patetica che riempie da sola la grande sala. I grandi occhi che sprofondano nel breviario aperto, sono un condensato di umanità: c’è un senso di calma, c’è un senso quanto mai vasto della vita e dell’uomo.Vasto come quelle grandi mani che tengono il libro e che sembrano in grado di accogliere qualunque cosa. Difficile reggere il confronto con un simile capolavoro, in cui ogni piega della pelle non ricade mai su se stessa, ma rimanda a un’idea immensa della vita e della realtà. Difficile paragonarsi con una simile “magnanimità” poetica.

Al confonto Mazzoni sembra così calligrafico, impostato. Cerca effetti speciali, approdando a effetti da brividi (la lingua della Madalena che nell’urlo va a sbattere sul palato). Ma ultimamente prevale un sottile, implacabile senso ossessivo. Un voler andare dentro il dolore non per cercare partecipazione ma per trovare gridolini di meraviglia (o di orrore). Anche le sue straordinarie Marie chiuse nel guscio dei loro manti, un po’ alla borgognona, sembrano voler stare sole con se stesse, sigillate nelle loro smorfie. Non cercano condivisione. Non sollecitano una coralità, come invece succede nella meravigliosa cappella della Crocifissione di Varallo, dove Gaudenzio ha la forza di far sentire tutti popolo. Se Gaudenzio scolpisce a forza di carezze, Mazzoni invece agisce un bisturi, per andare dentro impietosamente nelle pieghe della pelle, per sagomare I denti. Evidentemente il soggiorno ferrarese aveva lasciato un segno profondo…

Written by giuseppefrangi

aprile 30th, 2009 at 11:13 pm

One Response to 'Le spalle immense di Niccolò (e quella aguzze di Mazzoni)'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Le spalle immense di Niccolò (e quella aguzze di Mazzoni)'.

  1. Io lo so che potrebbe sembrare azzardato e mi scuso se non c’entra molto con Mazzoni (non c’entra per niente :D)
    Non riesco a capire perchè senza il Foppa non potrebbe esistere Caravaggio,analizzando il periodo giovanile di quest’ultimo non vedo nessuna influenza del maestro bresciano nei confronti del Merisi.
    Piuttosto io vedrei in Savoldo,in Moretto la strada su cui si mosse Caravaggio.
    E allora perchè ogni libro mi parla del Foppa come se fosse il predecessore del Caravaggio?Tra l’altro senza farmi esempi chiari e decenti.

    Ringrazio per l’aiuto e spero che da questa mia domanda possa nascere un bellissimo discorso.
    Saluti.

    OTILLAF

    2 Mag 09 at 10:07 am

Leave a Reply