Robe da chiodi

Perché penso, come ha detto qualcuno, che la storia dell’arte liberi la testa

Giovanni Romano, la critica come un film

4 comments

C’è una cosa che in particolare mi ha colpito nel libro realizzato per i 70 anni di Giovanni Romano (Per Giovanni Romano, L’Artistica Editrice. Tel. 0172.726622): è il film delle foto delle opere studiate dal critico. Sono 72 immagini bellissime che si aprono con l’oro del Crocifisso del vescovo Leone, conservato nella Cattedrale di Vercelli e si chiude con il bianco e nero dell’omaggio di Giulio Paolini, 1973. È il film di una vita di studio applicata quasi tutta a un territorio, senza che il territorio venga mai sentito come un limite o come un orizzonte angusto: anzi, la raffica di immagini in sequenza invece evocano una ricchezza infinita di storie e di storia. Dato che non c’è un nesso se non il fil rouge degli studi di Romano, ad ogni pagina si prova la felicità destata dalla rivelazione sorprendente di opere che aprono sempre nuovi capitoli. Per di più a volte sono tagliate con particolari arditi, che fulminano, senza concessioni all’insieme (belli quelli della pala Del Majno- Gaudenzio di Morbegno).  E che dire di quella Vergine Annunciata, opera di uno stuccatore lombardo di inizio 1600, conservata a Vicolungo? O della sfilata dei Canonici di Lù capolavoro cabalettistico di un ben ritrovato Guala?
Nello stesso volume, tragli scritti in omaggio a Romano, Simone Fachinetti pubblica il primo testo noto di Roberto Longhi. È un testo del 1911, pubblicato sulla Voce di Prezzolini, stralciato ad arte dalla Bibliografia longhiana per i giudizi oltranzisti nei confronti di Adolfo Venturi e di Igino Benvenuto Supino. Longhi ha 21 anni ma ha già idee molto chiare (e una scrittura che lo aiuta rendere senza fraintendimenti quelle idee…). Ecco un esempio: «Perché: o l’introduzione si limita a pure informazioni storiche e allora  si può senza pompa, silenziosamente ridurre alle note, o si picca di critica estetica, e allora, no, per l’inevitabile sconnessione che ne risulterebbe nell’economia ideale della collezione, anche astraendo dalla buaggine inevitabile di novanta su cento delle introduzioni, una volta cadute nei piedi dei venturini, dei supinini, e di siffata genterella. Perciò si riduca l’introduzione, per carità! Alle note, alle note» (che mi sembra una bella sintesi della metodologia di Romano).

Written by giuseppefrangi

giugno 14th, 2009 at 4:40 pm

4 Responses to 'Giovanni Romano, la critica come un film'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Giovanni Romano, la critica come un film'.

  1. Sicuro che “venturini” non stia piuttosto per Lionello Venturi?
    Grazie per la segnalazione.

    sergio

    14 Giu 09 at 8:58 pm

  2. No, è proprio Adolfo che figurava tra i curatori delle Vite vasariane di cui si occupava la recensione di Longhi.

    giuseppefrangi

    15 Giu 09 at 12:11 pm

  3. Scusami, ma cosa ho scritto di così scomodo o di così volgare per meritare la censura?

    No perchè mi ostino a non capire, dove avrei sbagliato?

    OTILLAF

    18 Giu 09 at 11:58 am

  4. scrivimi sulla mia mail che ti spiego.
    g.frangi@alice.it

    giuseppefrangi

    19 Giu 09 at 8:28 am

Leave a Reply