Robe da chiodi

Oggi 12 settembre

Pasolini, Masaccio e il finale di Accattone

3 comments

1676393887È uscito qualche tempo fa un bel libro di Stefania Parigi dedicato al primo film di Pasolini, Accattone (editore Lindau, 18 euro). Ne sono venuto a conoscenz grazie a una bella recensione di Civiltà Cattolica su questo numero. Dal libro ricavo due spunti interessanti. Uno riguarda la filosofia visiva di PPP, riferica con parole sue: «In Accattone non c’è mai un’inquadratura in cui si veda una persona di spalle o di quinta; non c’è mai un personaggio che entri in campo e poi esca di campo […]. Il mio gusto cinematografico non è di origine cinematografica, ma figurativa. Quello che io ho in testa come campo visivo, sono gli affreschi di Massaccio, di Giotto, che sono i pittori che amo di più, assieme a certi manieristi (ad esempio, il Pontormo). E non riesco a concepire immagini, paesaggi, composizioni di figure al di fuori di questa mia iniziale passione pittorica, trecentesca, che ha l’uomo come centro di ogni prospettiva».

Il secondo spunto riguarda invece la battuta finale del film, una battuta indimenticabile pronunciata da Franco Citti morente: «Aaah… Mo’ sto bene!». Sembrava esito del vitalismo pasoliniano, invece l’autrice del libro la mette in rapporto con un citazione che compare subito dopo i titoli di coda dei film e alla quale non si è dato il sufficiente peso. Pasolin cita dei versetti di Dante , da Purgatorio V: «…l’angel di Dio mi prese e quel d’inferno/ gridava: “O tu del Ciel, perché mi privi?/ Tu te ne porti di costui l’eterno/ per una lacrimetta che ’l mi toglie”»… (una lacrima di pentimento, versata in punto di morte, è bastata da sola a cancellare i peccati di tutta una vita di Bonconte da Montefeltro e dargli la salvezza). Per Accattone non ci sono lacrimette, perché non c’è neppure consapevolezza del peccato, nella sua anima da sottoproletario. Ma quel conta è l’esito: quel “mo’ sto bene” è il presentimento di sperimentare il Paradiso.

Da rivedere e da leggere.

Written by giuseppefrangi

ottobre 24th, 2009 at 12:22 pm

3 Responses to 'Pasolini, Masaccio e il finale di Accattone'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Pasolini, Masaccio e il finale di Accattone'.

  1. None, vojo morì co’ tutto l’oro addosso, come i faraoni!

    OTILLAF

    25 Ott 09 at 1:20 am

  2. […] Per approfondire consulta la fonte:  Pasolini, Masaccio e il finale di Accattone « Robe da chiodi […]

  3. Ma citare la Ricotta non sarebbe stato appropriato? Alla fine io vedo più storia dell’arte lì che in Accattone. Quest’ultimo è sicuramente un capolavoro, ma “La ricotta” nun se batte, con magistrale Orson Welles che in 10 secondi distrugge tutta la classe media italiana.

    OTILLAF

    3 Nov 09 at 6:06 pm

Leave a Reply